[wpvideo P4903F2g]

Ci sono isole e isole: queste sono tra le poche isole al mondo che non hanno mai avuto una popolazione indigena. Sperdute a mille km di distanza dalla terra ferma tra Ecuador e Hawaii, qui Darwin ha elaborato la sua teoria dell’evoluzione. Qui ogni centimetro di prato vulcanico è riserva naturale. Qui è tutto autoctono e animali come tartarughe giganti, gabbiani dai piedi blu, squali, leoni marini, iguana marine, cactus sono liberi e tu ci puoi giocare d’istinto, puoi osservarli in silenzio, puoi camminarci a fianco come in un grandissimo Jurassic Park a cielo aperto! Chi arriva qui di solito ci arriva in crociera e guarda quest’isola da lontano senza mai toccare niente di quello che si respirando stando coi piedi per terra, noi ci siamo arrivati volando, zaino in spalla da Guayaquil in Ecuador, abbiamo soggiornato sulle isole e navigato tra queste con mezzi e barche pubbliche del luogo, il risultato? Abbiamo pagato un decimo di quello che caricano le agenzie se t’informi, abbiamo vissuto l’isola in modo totale e soprattutto abbiamo avuto quel contatto tra specie diverse che trascende ogni senso della vità. La curiosità. In nessun altro luogo del mondo è possibile: nuotare con le razze, piroettare a riva con i leoni marini, accarezzare le tartarughe che volano con te sott’acqua, toccare i pinguini che nuotano intorno a te, osservare in profondità cavallucci marini e squali che dormono tranquilli senza sbarre, senza zoo, senza che tutto cio sia uno show, ma un paradiso in perfetta e fragile armonia, in piu a tutto questo la tranquillità vergine di un posto che ancora, e soprattutto nell’entroterra, è privo di strutture, pubblicità, collegamenti e per questo difficile da scoprire ma eternamente indimenticabile.

Share This